Resta in contatto

Rassegna Stampa

Nazionale, in dubbio Pellegrini e Zaniolo

Mancini preoccupato: tanti azzurri non al meglio

C’è il rischio di giocarsi un Mondiale con una Nazionale incerottata. Alle incognite Pellegrini e Zaniolo a centrocampo, si aggiunge quella di Barella, uscito toccandosi il flessore della coscia destra nel derby. Pochi minuti dopo ha raggiunto la panchina anche Bastoni, la cui eventuale indisponibilità sarebbe ancora più grave considerando i problemi avuti da Bonucci e Chiellini, entrambi fuori da Juve-Fiorentina sabato. Oggi il c.t. Roberto Mancini, dopo i vari accertamenti, farà la conta dei disponibili e valuterà le eventuali sostituzioni.

Per Lorenzo Pellegrini le garanzie definitive sulla disponibilità saranno rinviate ai prossimi giorni, dopo aggiornamenti day by day sulle sue condizioni. I medici della Roma hanno richiesto attenzionedurante i colloqui con lo staff azzurro, il capitano è alle prese con un’infiammazione al ginocchio sinistro che lo aveva tenuto dalla gara contro il Bodo Glimt, ma non da quella di ieri a Venezia, sesta giocata di fila, tutte per 90′. Grazie all’aiuto degli antidolorifici e con un solo allenamento alle spalle è sceso in campo in campionato, un impiego forzato che non ha sicuramente migliorato la situazione, e infatti ieri il ginocchio era gonfio. Preoccupa anche Zaniolo, entrato solo nel finale a Venezia: probabilmente un po’ a freddo, così da avvertire un fastidio al polpaccio e al ginocchio. Oggi probabile risonanza. Per tutti verrà scelta la strada della prudenza. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa