Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp intoccabile, ma serve un vice: piace Bereszynski

Il polacco della Sampdoria è una delle opzioni

Lunga vita a Rick Karsdorp. In una rosa corta come quella della Roma, c’è un ruolo in cui José Mourinho ha veramente pochissime alternative: il terzino destro.

Dopo la sconfitta contro il Venezia il tecnico portoghese ha rilasciato una dichiarazione che a molti è sembrata una vera e propria provocazione, ma che invece rende bene l’idea della considerazione che ha per alcuni calciatori. “I due terzini in panchina – le parole dello Special One – erano Reynolds e Tripi: uno è della Primavera e l’altro ha fatto 5-6 partite in Serie A. Bruno Peres sarebbe stato utile“.

Il nome dell’esterno brasiliano ha fatto saltare dalla sedia molti romanisti che lo scorso anno non vedevano l’ora che l’ex Torino, ora al Trabzonspor, facesse le valigie. Il fatto che Mourinho lo abbia indicato come un “rimpianto” è la fotografia di come la situazione sulla fascia destra sia di assoluta emergenza.
Karsdorp ha infatti giocato le prime 12 partite di campionato senza mai riposare, oltre a 2 gare di Conference: nelle due occasioni in cui Mourinho lo ha lasciato a riposto al suo posto sono stati utilizzati, con risultati da dimenticare, Ibanez e Reynolds.

Con 1358 minuti l’olandese è il quinto giocatore della rosa più presente dopo Rui Patricio (1620), Ibanez(1484), Cristante (1452) e Mancini (1440): in pratica uno degli insostituibili. Il tecnico portoghese però sa bene che prima o poi dovrà rinunciarci, e per questo ha chiesto a Tiago Pinto un rinforzo in quel ruolo, che dovrebbe arrivare nel mercato di gennaio.

Uno dei nomi finito sul taccuino del dirigente giallorosso, su espressa richiesta del tecnico, è quello di Bereszynski, terzino destro polacco di 29 anni che gioca nella Sampdoria: potrebbe arrivare in prestito e sarebbe una buona alternativa a Karsdorp.

Altro nome accostato alla società giallorossa è quello di Celik del Lille, che già la scorsa estate era stato seguito da Pinto. Poche le speranze di arrivare a Pedersen, perché il Feyenoord non sembra orientato a cederlo a gennaio mentre una possibilità è il tedesco Benjamin Henrichs (24 anni) poco utilizzato nel Lipsia. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa