Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pronto l’assalto a Dalot. Mkhitaryan è in bilico

Il portoghese in pole per il mercato di gennaio

Dalla Roma spagnola a quella portoghese: l’asse Tiago Pinto–Mourinho è pronto a sferrare l’assalto decisivo per Diogo Dalot, terzino del Manchester United, che raggiungerebbe il compagno di nazionale Rui Patricio a Trigoria.

I contatti sono stati avviati da un pezzo. Da parte del giocatore c’è la disponibilità a tornare in Italia dopo la breve esperienza al Milan. Ma vanno convinti i manager dello United a trattare il prestito (1,5 milioni) con obbligo di riscatto vincolato a un numero congruo di presenze.

Nel giro della nazionale portoghese si è sempre fatto apprezzare, sia come terzino destro che sul lato opposto. Non sarà facilissimo per la Roma riportarlo in Serie A, per questioni economiche più che tecniche. Ma Tiago Pinto ci sta provando. E nel contempo tiene aperta l’ipotesi Bereszynski, il polacco della Sampdoria che sembra gradito a Mourinho come piano B: con Massimo Ferrero sarebbe più semplice trattare uno scambio. Sul piatto i nomi di Villar e Calafiori.

Quanto alla voce cessioni, prende sempre più corpo l’ipotesi di una separazione anticipata da Hernikh Mkhitaryan. Ieri a Roma il procuratore Raiola ha glissato sul tema (“chiedete alla società“) ma il rapporto complicato con Mourinho e le ultime deludenti esibizioni possono suggerire un addio a gennaio, con sei mesi di anticipo sulla scadenza del contratto. Dipenderà anche dalle offerte che arriveranno: in Russia, Mkhitaryan ha ancora tanti ammiratori. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa