Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

El Shaarawy, ultima chiamata verso un salto di qualità

El Shaarawy

Il Faraone chiamato a fare la differenza con le sue giocate

Mentre Mourinho continua a meravigliarsi delle bellezze romane – ieri ha postato su Instagram una istantanea del Circo Massimo, scattata durante il tragitto che ogni giorno fa dai Parioli per andare a Trigoria, magari sognando di festeggiare prima o poi qualcosa lì – Stephen El Shaarawysogna una maglia da titolare contro una delle sue ex squadre.

Contro quel Genoa che domenica ospiterà la Roma e per il quale l’attaccante sta cercando di mettere in difficoltà il tecnico portoghese. Fin qui nulla di troppo rilevante, se non fosse per il curioso fatto che Elsha dei giallorossi è l’attaccante che ha segnato di più con sei gol. Traguardo inaspettato, che evidenzia anche come stiano deludendo gli altri attaccanti, ma che esalta le qualità de numero 92, in perenne attesa del definitivo salto di qualità.

“Mourinho è un grande motivatore e ha creato un rapporto con tutti qui a Trigoria, non solo con i giocatori – spiega Elsha – È un piacere ascoltarlo”. Ma l’attaccante dovrà ora riuscire a spiccare il volo, per quella che rischia di essere, a 29 anni, l’ultima chiamata di una carriera con troppi rimpianti e con quel passaggio in Cina, appena prima la pandemia, che ne ha frenato il cammino. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa