Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Shevchenko: ” Sapevo che sarebbe stata difficile, i ragazzi hanno dato tutto”

Le parole del tecnico del Genoa

Andrij Shevchenko ha parlato ai microfoni di Dazn dopo la sua prima panchina in Serie A dove ha rimediato una sconfitta in casa contro la Roma. Le sue parole:

Il primo impatto se lo aspettava diversamente?

Io sapevo che era una partita molto difficile, ci mancavano tanti giocatori. I ragazzi hanno dato tutto oggi, c’era ordine, c’era organizzazione, però i cambi hanno fatto la differenza.

Conta di recuperare qualcuno in pochi giorni?

Purtroppo non abbiamo buone notizie su questo fronte, però abbiamo una settimana per preparare la partita e possiamo recuperare meglio.

Sapevi ci fosse tanto da lavorare, però quali sono le cose che vorresti mettere a posto?

Sicuramente oggi l’atteggiamento è stato fantastico e la compattezza è stata giusta. Sono stati bravi ad accorciare e chiudere lo specchio della porta. Hanno lottato tanto, quello che è mancato è stata la gestione, dobbiamo migliorare ancora, possiamo dare qualcosa di più in uscita e quando alziamo il baricentro, potevamo creare di più. Però è sempre l’inizio, dobbiamo lavorare e migliorare tanto.

E’ stata buona la prestazione di Pandev in quel ruolo oggi…

Abbiamo cercato di sfruttare le sue caratteristiche, lui è un giocatore molto veloce ma non ha ancora la confidenza. Oggi ha fatto tutto quello che gli ho chiesto e lo ha fatto bene.

Possiamo vedere il Genoa con la difesa a 4?

In questo momento possiamo giocare con questo modulo e abbiamo cercato di compattare i giocatori che abbiamo così, in questo modo. Secondo me oggi questa è stata la miglior scelta, poi in futuro vedremo.

Che campionato hai ritrovato, soprattutto per le squadra di bassa classifica?

Sicuramente ho visto che le squadre provano a costruire da dietro, a controllare il gioco, a uscire con il portiere. Di fronte a squadre forti come la Roma che ti possono aggredire non è facile. Ho visto molte partite e in questo il campionato italiano è cresciuto tanto.

Vi siete detti qualcosa con Mourinho?

Abbiamo parlato prima e dopo la partita. Abbiamo un ottimo rapporto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario