Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Centrocampo in emergenza: c’è Darboe in pole

Darboe Gambia

Il gambiano è il favorito per affiancare Veretout contro lo Zorya

E adesso? Contro il Torino si parte da un dato di fatto: l’emergenza è ancora più profonda e acuta. C’è da stringere i denti e rispolverare qualche giocatore che finora ha trovato meno spazio. Perché il centrocampo della Roma va ridisegnato per forza di cose da Mourinho. I titolarissimi Cristante e Veretout, infatti non ci saranno in campionato: il francese è squalificato, mentre il numero quattro è in isolamento a causa della positività al Covid. Dovrebbe tornare – se tutto andrà nel verso giusto – la prossima settimana, insieme a Villar. Mourinho dovrebbe confermare il 3-5-2 che poi si trasforma in un 3-4-1-2 quando Mkhitaryan mette il turbo e inventa. “La rosa non è stata nemmeno costruita per giocare in questo modo”, ha detto il portoghese dopo il successo british di Marassi.

Al momento però è difficile ipotizzare un cambiamento quando si vince e domina una partita a livello territoriale. Insomma, non ci dovrebbero essere esperimenti ma è chiaro che un interprete lì al centro avrà una grande chance di mettersi in mostra. Il nome più caldo è quello di Darboe. Il mediano dovrebbe andare a occupare la casella davanti alla difesa. Un ruolo delicatissimo, dove non sono ammessi errori e sbavature. Mourinho lo sta coccolando: lunedì si è portato proprio Darboe e Felix per vedere la Primavera di Alberto De Rossi. Un indizio? Forse.

Non va esclusa la possibilità di rivedere Bove, lanciato nella mischia a Genova nel finale di gara. È una mezz’ala forte negli inserimenti. Ma in Primavera, alla fine dello scorso campionato, ha giocato da mediano. Per di più risultato tra i migliori. Bove, comunque, può diventare l’asso nella manica a prescindereLo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa