Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, finalmente Smalling: Mourinho lo lancia dall’inizio in Conference League

Smalling Genoa Roma

L’inglese torna dal primo minuto: non accadeva da Roma-Empoli del 3 ottobre

Uno deve superare la crisi da gol, l’altro i gol deve cominciare ad evitarli. La Roma prova il recupero dei due inglesi che per un motivo o per l’altro stanno vivendo un momento di difficoltà. Quello di Abraham dura da qualche settimana ma l’ex attaccante del Chelsea ha dimostrato di avere i mezzi per superarlo e potrebbe godere della vicinanza di Felix per aumentare la densità in area di rigore. Questo non accadrà domani con lo Zorya (il ghanese non è in lista europea) ma da domenica col Torino sì. Più complicata la piena riabilitazione di Smalling che domenica a Marassi è finalmente tornato a farsi vedere in campo dopo una lunga e misteriosa assenza. Appena 315 i minuti giocati in stagione dal difensore fermato da continui problemi fisici e pagato 20 milioni poco più di un anno fa.

Domani in Conference dovrebbe finalmente partire dall’inizio nel rinnovato schieramento a tre che lo vedrà al fianco di Ibanez e Mancini. L’obiettivo è dare al reparto esperienza ma anche quelle doti di impostazioni dal basso che stanno mancando. Resta l’allarme centrocampo viste le assenze per Covid di Villar e Cristante e quella per squalifica in campionato di Veretout. Un reparto che Pinto deve rinforzare a gennaio. A proposito dopo l’addio di Planes al Barcellona non è escluso un ritorno di fiamma della Roma che vuole rinforzare il suo management sportivo. De Rossi, infine, diventa assistente tecnico delle Nazionali giovanili. Lo scrive Leggo.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa