Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Garzya: “Abraham deve ancora dimostrare. Roma-Torino? Non finirà 0-0”

Roma-Torino, parla il doppio ex Gigi Garzya: “Tra Abraham e Belotti prendo il secondo”. Le sue parole

Gigi Garzya, doppio ex giallorosso e granata, ha parlato del match di oggi sulle frequenze di Centro Suono Sport. Ecco le sue dichiarazioni:

Ibanez e Mancini saranno il futuro della Roma?
“Assolutamente, poi Mancini è già nel giro della Nazionale. La Roma ha fatto bene ad acquistare questi calciatori, nel reparto arretrato tutte le squadre stanno soffrendo perché sono pochi i calciatori veramente bravi. Ai miei tempi c’erano tantissimi difensori, c’era Cannavaro che ha vinto il Pallone d’Oro, c’erano i difensori più forti al mondo. Oggi ce ne sono pochi e chi li ha, se li tiene”.

Roma-Torino?
“Secondo me sarà una bellissima partita che difficilmente finirà 0-0. Sono due squadre che hanno qualità, vedo un Torino diverso rispetto agli anni passati, ha la filosofia di Gasperini. Non ti dà punti di riferimento, giocano molto di fisico e non verranno all’Olimpico per chiudersi. Non so dirti chi vincerà, stanno entrambe molto bene. Il Torino ha sempre perso fuori casa, anche immeritatamente. Bisogna stare attenti perché è una squadra tosta, ha una buona difesa e per la Roma sarà un bel banco di prova”.

Chi preferisci tra Abraham e Belotti?
“Dico Belotti perché, fino a prima dell’infortunio, ha fatto sempre tanti gol. Abraham deve dimostrare ancora il suo valore, non abbiamo ancora visto il vero Abraham. Fortunatamente, ci sono altri giocatori che segnano nella Roma, Belotti è una sicurezza”.

Mourinho?
“Vedo un tecnico quasi aziendalista ed è giusto che faccia così. Difficile trovare un tecnico che si fossilizza solo su un modulo, se ho 3 centrali forti devo farli giocare tutti e 3. Se mancano due centrocampisti, all’occorrenza utilizzo Mancini in quel ruolo. Mourinho si sta adattando ed è anche giusto che sia così. A volte bisogna cambiare se le cose non vanno bene, lo fanno tutti gli allenatori perché devi adeguarti a quello che hai”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News