Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un mostro di nome Abraham

Decisiva la giocata dell’inglese

Così lo ha invocato meno di una settimana fa Mourinho: più spietato, più cattivo, con personalità. Di questo c’era bisogno. Eccolo, Tammy Abraham, più concentrato, più completo, pure più fortunato: difende, attacca, gioca per gli altri e per se stesso, mettendoci pure un pizzico di egoismo che non guasta. Abraham si è svegliato e non si sa se questa sua resurrezione dipenda dalla compagnia che Mourinho gli ha messo vicino: a Venezia è andato a segno e aveva Shomurodov al suo fianco, contro lo Zorya ne ha segnati due e vicino aveva Zaniolo, così come contro il Torino.

Con Nicolò si cerca, si trova, si abbraccia. Tammy ha smesso di giocare solo per la squadra, ora segna e si traveste da trascinatore, facendo gol, come si chiede ad un attaccante. Fino ad ora, quattro in Conference e quattro in campionato. Sta cominciando a dare continuità sotto porta. Abraham piace ai tifosi, innamora la sua espressione mentre canta l’inno e tanti bambini entrano allo stadio con la sua maglia. Quasi bissa la doppietta contro lo Zorya, poi non se n’è fatto niente del rigore che Chiffi aveva fischiato. Sarebbe stata la seconda doppietta di fila, saltata per un fuorigioco millimetrico, di un tallone. Alla fine è stato sufficiente l’unico gol dell’inglese per dare vittoria alla Roma, contro un Torino tosto, abbottonato e pericoloso in ripartenza. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa