Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Alchimia Mourinho: nel momento di maggiore difficoltà, José ha saputo ridisegnare la Roma

Lo Special One ha saputo cambiare la squadra nel momento di difficoltà

Il timbro di Mourinho c’è e si vede. Mai quanto adesso. Nell’emergenza José torna Special. E non sbaglia più una mossa. Nella scelta del modulo, nel cambiare le posizioni dei calciatori in campo, nello scegliere il momento giusto per rilanciare chi sembrava ormai ai margini del progetto tecnico. La vittoria contro il Torino è forse stata la più mourinhana dall’inizio della stagione. Soprattutto nella decisione di illudere Juric, concedendogli campo e possesso-palla (sterile), per poi punirlo in ripartenza. Possibile farlo grazie alla ritrovata affidabilità della fase difensiva che tornata a cinque regala maggiori certezze. Al di là della sbandata di Venezia, nelle successive tre partite la Roma non ha più subìto gol. Una metamorfosi coincisa anche con il rientro di Smalling negli ultimi 180 minuti.

Non può più essere un caso: con l’inglese titolare, in 5 partite stagionali Rui Patricio ha subìto soltanto una rete (nel 5-1 contro il Cska Sofia). Avere Chris fa giocare meglio anche chi gli è a fianco. Per informazioni chiedere a Mancini e Ibanez. La Roma che ora rincorre a -3 il quarto posto – con un mini-vantaggio di 4 lunghezze sul gruppetto delle seste (Fiorentina, Juventus, Lazio e Bologna, avversario domani) – ha finalmente mostrato domenica il volto cinico del suo tecnico. Se contro lo Zorya erano servite 3 palle-gol ad Abraham per sbloccarsi, con i granata al primo pallone Tammy ha lasciato il segno. La coppia con Zaniolo funziona. Il velo di Nicolò in occasione dell’1-0 ne è la conferma. Limitare tuttavia la risalita a pochi singoli sarebbe limitativo.

L’impressione è che dopo Venezia Mou abbia riconquistato il gruppo, cambiando in corsa la strategia di comunicazione. E così di colpo Villar è tornato ad essere “un cambio di qualità”; Diawara è stato rispolverato dal dimenticatoio; Kumbulla è entrato “col sorriso al 90′ per marcare Milinkovic sui corner”; Perez s’è riscoperto mezzala, Mkhitaryan addirittura regista. E José, abile giocoliere quando c’è da inviare messaggi all’interno sfruttando l’esterno, lo ha rimarcato con decisione: “È stato un successo di squadra. C’è un bel gruppo di giovani, all’interno di un gruppo fantastico“. Che ora, coinvolto quasi in toto, è tornato a seguirlo con entusiasmo. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa