Resta in contatto

Stadio della Roma

Stadio della Roma, conto salato per il Campidoglio: Parnasi e Vitek chiedono quasi 300 milioni

Per l’addio al progetto di Tor di Valle la società del tycoon ceco e la famiglia dell’immobiliarista romano hanno chiesto danni multimilionari

La partita per la realizzazione dello stadio della Roma non si è conclusa. Il Campidoglio, con la delibera votata lo scorso 2021, ha ritirato, in autotultea, la “pubblica utilità” precedentemente riconosciuta la progetto di Tor di Valle. Ma così facendo ha aperto le porte ad un contenzioso legale.

Radovan Vitek e la famiglia Parnasi, com’era stato ampiamente annunciato, hanno infatti deciso di ricorrere contro la decisione del Campidoglio. Con due distinti provvedimenti presentati al Tar, il tycoon ceco ed il gruppo immobiliare romano, si sono rivolti ai giudici amministrativi per essere indennizzati degli incassi venuti meno con lo sfumare dell’operazione di Tor di Valle. Ed il conto è stato salato.

Eurnova, proprietaria del progetto del nuovo stadio della Roma ed originariamente anche dei terreni, ha chiesto al Campidoglio un risarcimento complessivamente di 32,4 milioni di euro. Ben più consistente è stata invece la somma rivendicata da CPI Spa, la società di Vitek. Il magnate ceco infatti sta chiedendo una cifra che varia tra i 260 milioni ed i 234. La differenza di importi è imputabile alla svalutazione dell’area di Tor di Valle, che avrebbe perso valore per la mancata approvazione della variante urbanistica necessaria per una zona che, il piano regolatore, destinava a campi sportivi ed a verde. Nella peggiore delle ipotesi, quindi, la somma richiesta al Comune dalle due aziende si aggira sui 291 milioni di euro.

Si legge su romatoday.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma