Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Montella: “Pensavo di meritarmi di rimanere alla Roma, ma poi…”

Le parole del tecnico sull’esperienza in giallorosso

Vincenzo Montella ha rilasciato alcune dichiarazioni a goal.com in merito alla sua esperienza alla Roma. Ecco le sue dichiarazioni:

Le stagioni più significative, Montella le ha senza dubbio vissute con la Roma…

“Quando abbiamo vinto lo Scudetto ho provato sensazioni indimenticabili. Le provo ancora. Senti di aver realizzato qualcosa di bello, perché anche oggi i tifosi non dimenticano quel campionato. Anche chi non ha vissuto a quei tempi ma è nato dopo se ne vanta, mostra il loro amore e ne è felice. Ti dà sentimenti che vanno oltre il calcio”.

Il tecnico napoletano svela un aneddoto relativo al celebre poker nel 5-1 alla Lazio…

“Quel derby è stata una partita di cui mi emozionavo anche solo parlando. Volevo battere un record prima della partita. Ho chiesto a Totti se c’era un giocatore che avesse segnato una tripletta in un derby nella storia della Roma. Quando ho scoperto che non era successo, ho detto: ‘Lo farò stasera’. Ho mantenuto la mia promessa”.

Con Fabio Capello, gli screzi però non sono mancati…

“Ho un grande rispetto per lui. È un allenatore molto importante per quello che ha ottenuto nella sua carriera. Certo, abbiamo litigato e non andavamo d’accordo: mi inseriva nelle rotazioni e io, come qualsiasi calciatore, volevo giocare”.

Dal campo alla panchina, perchè Montella successivamente la Roma l’ha allenata…

“Non era facile, ma lavoravo con un gruppo molto intelligente e che già conoscevo, che ti rende le cose più facili. Ad esempio c’era Totti, che da campione del mondo aveva grandi offerte rifiutate per restare a Roma. Lì è un monumento”.

L’Aeroplanino, ha salutato la Capitale su decisione della società facendo posto a Luis Enrique…

“Pensavo di meritare di rimanere: questo è quello che mi hanno detto, ma poi hanno preso un’altra decisione. Ma non l’ho presa male, sono scelte che le dirigenze possono attuare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News