Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma-Inter, Mourinho pronto a stravolgere la formazione?

Cosa si inventerà lo Special One per fermare i nerazzurri?

Si avvicina un match davvero interessante in programma sabato prossimo. Ma soprattutto un match fondamentale per la Roma, la quale ha voglia di dimenticare subito la gara di Bologna e di dimostrare di poter dire la sua in questo difficile campionato. Parliamo ovviamente di Roma-Inter, in programma sabato alle ore 18. 

Emergenza Roma

I giallorossi sono in emergenza, a causa di alcune defezioni: oltre alle assenze di Pellegrini e del lungodegente Spinazzola, infatti, si sono aggiunte quelle di El Shaarawy, Karsdorp e Abraham. Si parla di giocatori che molto probabilmente sarebbero stati schierati come titolari, e questo fa ben comprendere quanto sia importante la loro assenza. Lo stesso tecnico portoghese, José Mourinho, ha affermato che sabato dovrà inventare la formazione titolare, soprattutto il modulo. 

Da comprendere, infatti, se vorrà rimanere sulla difesa a 3 o andare sulla difesa a 4. A prescindere da ciò, è essenziale che i giallorossi non perdano terreno, visto che la lotta al quarto posto è estremamente ardua quest’anno e soprattutto serrata: ogni minima distrazione e passo falso può risultare decisivo, in senso negativo. Leggendo i pronostici oggi, si può evincere come i giallorossi siano sfavoriti per la sfida di sabato. 

D’altronde, l’Inter è la principale candidata alla vittoria dello scudetto e ha dimostrato sinora di poter vincere praticamente contro ogni tipo di avversario. Assume, quindi, un valore ancora più importante questa sfida. 

Designazione arbitrale: giallorossi non felici?

Sono montate, inoltre, già le prime polemiche per la designazione arbitrale. O meglio, i tifosi giallorossi non hanno nascosto il proprio dissenso per la designazione della gara di sabato. Sarà il signor Marco Di Bello, di Brindisi, ad arbitrare un match molto delicato. Si tratta della terza volta consecutiva che questo match viene affidato al fischietto pugliese e diverse sono state le polemiche nei precedenti. Proprio questa scelta ha spinto diversi tifosi della Roma a lamentarsi a mezzo social ed in generale su internet per la designazione. 

Probabili formazioni

Tornando alle probabili formazioni, almeno per adesso appare più probabile che Mourinho opti per un 3-5-2. La difesa dovrebbe essere confermata in blocco: quindi, titolare Rui Patricio tra i pali, con Mancini, Smalling ed Ibanez in difesa. Dovrebbe agire Cristante a centrocampo, dal primo minuto, insieme a Veretout e Mkhitaryan. Per quanto riguarda gli esterni ci sono diversi dubbi. Potrebbe essere Vina il designato a prendere il posto di El Shaarawy. A destra ci dovrebbe essere Carles Perez. In attacco probabile che si presentino dal primo minuto Shomurodov e Zaniolo, per una coppia del tutto inedita.

Qualche cambio anche per Inzaghi, il quale dovrebbe proporre de Vrij e Skriniar dal primo minuto, con Dimarco o Bastoni a completare la difesa. A centrocampo spazio a Barella, Dumfries, Brozovic, Calhanoglu e Perisic. In avanti l’ex Dzeko affiancherà Lautaro Martinez.

Di seguito le probabili formazioni del match: 

Roma (4-2-3-1) Rui Patricio; Ibanez, Mancini, Smalling, Vina; Cristante, Veretout, Perez, Zaniolo, Mkhitaryan, Shomurodov. 

Inter (3-5-2) Handanovic; Bastoni, Skriniar, Dimarco; Dumfries, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Dzeko, Lautaro.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra