Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pinto: “Dobbiamo ringraziare i tifosi. Fiducia al 100% a Mourinho”

Le parole del gm giallorosso dopo la sconfitta: “Sette sconfitte sono tante è vero, però voglio ripetere che in un momento di difficoltà bisogna essere più forti”

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di DAZN dopo la gara persa 3-0 dalla Roma contro l’Inter. Ecco le parole del general manager giallorosso.

I tifosi?
“Dobbiamo lavorare ogni giorno per ringraziare i tifosi e renderli orgogliosi di noi. Dobbiamo lavorare di più per farlo, il momento non è facile e capita durante la stagione. Crediamo nella strada che stiamo seguendo, dobbiamo lavorare anche di più per rendere orgogliosi i tifosi”.

La Roma ha avuto poco cuore?
“Non sono d’accordo, nei mesi in cui Mourinho è qua ha tirato fuori tanto dai giocatori. Non cerco scuse, ma abbiamo avuto tante difficoltà con 6-7 assenze di giocatori importanti, sono sicuro che Mourinho continuerà a tirare fuori il meglio dai giocatori che abbiamo”.

Il lavoro di Mourinho è ridimensionato?
“Sette sconfitte sono tante è vero, però voglio ripetere che in un momento di difficoltà bisogna essere più forti. Sono fiducioso al 100% nel lavoro di Mourinho e sono sicuro che a fine stagione avremo raggiunto i nostri obiettivi”.

Quindi è fiducioso anche sul fatto che Mourinho sia l’allenatore giusto per un progetto a lungo termine?
“Non ho il minimo dubbio, chiaramente oggi siamo influenzati dal ko con l’Inter e dai numeri che avete evidenziato, ma guardo i progressi dei calciatori ogni giorno, ci sono tanti cambiamenti che presto daranno frutti. È successo tante volte nel calcio, ci sono state squadre con momenti di difficoltà ma continuiamo con le nostre idee, ci daranno risultati”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra