Resta in contatto

Rassegna Stampa

Stadio al Gazometro, Gualtieri da Friedkin: “Lavoriamo insieme”

Ieri il sindaco ospite all’Olimpico

Le operazioni necessarie per sbancare il terreno a ridosso del Tevere e bonificarlo. I dati sulle distanze dei palazzi più vicini e le note sui vincoli che tutelano l’area all’ombra del Gazometro. La Roma ed Eni dialogano, si scambiano informazioni. Valutano l’impatto che uno stadio da almeno 40mila spettatori avrebbe sul quadrante.

L’idea di calare qui, all’Ostiense, il nuovo impianto giallorosso stuzzica da tempo Dan e Ryan Friedkin. Così, come raccontato ieri, il club ha iniziato a muovere i primi decisi passi sul terreno. “Eni si è resa disponibile a fornire i dati relativi all’area di interesse“, spiegano dall’azienda petrolifera. Per poi puntualizzare che al momento non c’è “alcun accordo firmato per la realizzazione dello stadio nell’area”.

La Roma si guarda attorno, accarezza il sogno Gazometro. Ma tiene in considerazione anche le piste che portano alla vicina area degli ex Mercati Generali e a Pietralata. L’obiettivo è portare entro i primi mesi del 2022 una rosa di ipotesi al Campidoglio e vagliare in collaborazione con gli uffici.

Maurizio Veloccia, assessore all’Urbanistica, ha già incontrato gli ambasciatori della Roma. Un vertice informale. Un saluto con la promessa di rivedersi a breve. Ieri il sindaco Roberto Gualteri ha replicato con Dan Friedkin all’Olimpico. Il presidente americano ha fatto i complimenti al sindaco per le elezioni.

Il primo cittadino lo ha invitato in Campidoglio: “Vi aspettiamo, vogliamo collaborare“. In tribuna l’inquilino di palazzo Senatorio ha incrociato anche l’ex capitano Francesco Totti. Un’occasione per estendere l’invito anche all’icona giallorossa: “Grazie, ci sarò“. A fine partite, l’ultimo commento del sindaco-tifoso: “Il migliore in campo? La curva sud“. Lo scrive “La Repubblica”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa