Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 9 dicembre 2001: la Roma batte il Parma e si rilancia per la lotta scudetto (VIDEO)

I giallorossi espugnano il Tardini di Parma, nonostante il vantaggio iniziale dei padroni di casa. Al gol di Di Vaio risponde prima Assuncao, poi Fuser

Il 9 dicembre del 2001 la Roma otteneva tre punti preziosi per rilanciarsi verso la testa della classifica, dominata dall’Inter. Gli uomini di Capello affrontano il Parma, che solo pochi mesi prima era stata la squadra contro cui la Roma aveva festeggiato il suo terzo scudetto della storia. La squadra capitolina parte all’attacco, sprecando però le tante occasioni create. Nonostante la mole di gioco superiore dei giallorossi, al 31′ è il Parma a passare in vantaggio, grazie alla rete di Di Vaio nata da uno scontro tra Antonioli e Mboma. I giallorossi iniziano a temere, sopratutto perché al 36′ la squadra perde anche Batistuta, fuori per un guaio muscolare. Al suo posto entra il nuovo acquisto Antonio Cassano, ma la Roma fatica a trovare la via del gol.

Nella ripresa la squadra di Capello si scuote, e al 49′ arriva il gol del pareggio: calcio di punizione al limite per la Roma, Assuncao prende la mira e trova la rete del momentaneo 1-1. I giallorossi si risvegliano dal torpore, e iniziano a spingere per trovare la rete del vantaggio. E al 77′ ecco che arriva: Panucci serve Fuser a centrocampo. Il centrocampista avanza incontrastato e, arrivato sulla trequarti, lascia partire un missile che, deviato da Cannavaro, non lascia scampo a Frey. La Roma vince e aggancia il terzo posto in classifica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord