Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pinto promette rinforzi: Grillitsch sempre in pole

L’austriaco è il primo nome per il centrocampo

Mourinho aspetta i rinforzi. Friedkin è disposto ad accontentarlo, il mercato di gennaio si avvicina e sono tanti i giocatori che vengono proposti a Tiago Pinto. Soprattutto calciatori vicini allo svincolo o che non trovano spazio nell’attuale squadra di appartenenza. Uno di questi è i ventiseienne attaccante argentino Angel Correa, in uscita dall’Atletico Madrid. In Spagna sono sicuri che potrebbe trovare una sistemazione in Italia e tra i club interessati a lui c’è anche la Roma. Tra i club che hanno fatto sondaggi ci sono in primis la Juventus, che aveva seguito a lungo il giocatore in passato, e il Napoli, ma anche la Roma ha manifestato il proprio interesse.

In base alle disponibilità, potrebbe fare un tentativo per gennaio, pure tenendo presente che le priorità di Mourinho sono altre, un centrocampista di qualità e quantità e un terzino destro. Non sono previsti grandi colpi, come ha ripetuto anche ieri Mourinho, ma il portoghese spera di avere un paio di elementi per avere qualche soluzione in più. Il centrocampista resta l’obiettivo principale. Zakaria è al centro di un’asta alla quale la Roma non intende partecipare, adesso gli obiettivi di Pinto sono Grillitsch e Tolisso. Entrambi andranno in scadenza a giugno e potrebbero partire a gennaio. Per l’austriaco dell’Hoffenheim la strada sembra più facile: l’ingaggio e il costo del cartellino sono alla portata della Roma. Per il ruolo di vice Karsdorp sono in corsa Aarons del Norwich e Henrichs del Lipsia, Dalot del Manchester United è diventato più complicato. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa