Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tommaso migliora, Mou gli promette il giubbotto antifreddo

In miglioramento le condizioni del giovane che ha accusato il malore

“Il malore del tifoso? L’ho capito solo alla fine, speriamo vada tutto bene. In quel caso, se mi darà l’indirizzo, gli invierò la mia giacca, così la prossima volta che viene con questo freddo avrà la mia giacca“.

Durante la partita contro lo Spezia, José Mourinho e la squadra si sono chiesti come mai a un certo punto la curva Sud abbia smesso di cantare. La risposta è arrivata a fine gara, quando al tecnico è stato spiegato che era un segno di rispetto per Tommaso, il ragazzo di 23 anni colpito da un doppio infarto durante la partita. Rianimato in curva e trasportato d’urgenza al Policlinico Gemelli, Tommaso si è sottoposto a tutti gli esami previsti ed è fuori pericolo: il giovane si è stabilizzato anche se si trova ancora in terapia intensiva, intubato e sedato.
Presto, si spera, potrà andare a Trigoria a ritirare il premio promesso da Mourinho e a conoscere i calciatori che a fine partita, sollecitati dallo speaker dell’Olimpico, hanno rivolto un applauso alla curva per il comportamento avuto durante il match (ad un certo punto anche i tifosi dello Spezia, avvisati dell’accaduto, hanno smesso di cantare). Alcuni, come Bove (“Rivolgiamo tutti un pensiero speciale a Tommaso“) e Borja Mayoral (“Forza Tommaso!”) gli hanno dedicato un pensiero sui social, dove è stata tanta la solidarietà dei tifosi romanisti, e non solo, che si sono stretti in un abbraccio virtuale intorno al giovane che tutti sperano di rivedere presto in curva Sud. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa