Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou: “La smetteranno di dire che non vinciamo contro le big”

I giallorossi di Mou mandano un messaggio importante alla loro stagione

Serviva un segnale per un cambio di marcia, ed è arrivato con la vittoria dei giallorossi per 4-1 contro l’Atalanta a Bergamo, dove la Roma non vinceva dal 20 agosto 2017.

Ma soprattutto è arrivata una vittoria contro una big del campionato che i giallorossi inseguivano da tempo. “Ora – la soddisfazione di Mourinho a fine gara – smetteranno di dire che non vinciamo contro le top five, tutti ce lo facevano notare e ora la finiranno. È stata la Roma più bella della stagione, con un spirito fantastico, i giocatori sapevano che contro l’Atalanta non si può avere sempre il controllo della partita. Siamo stati bravi sotto tutti i punti di vista e l’arbitro è stato bravissimo, c’era bisogno di un direttore di livello e di esperienza. Non abbiamo sbagliato nei duelli, consapevoli dei pericoli, abbiamo capito come fare danno ad una squadra che si prende tanti rischi, abbiamo saputo soffrire: Karsdorp si è praticamente distrutto perché sa che non ho cambi“.

Ora la classifica è corta. “Se possiamo guardare a quelle che ci sono davanti? Sì, ma anche ai tanti giocatori giovani e inesperti che ho in panchina: una cosa è fare cambi per migliorare la squadra, una cosa è farli nell’emergenza. Per i calciatori deve essere importante capire che quando si gioca contro una squadra di questo livello, per fare punti non basta l’organizzazione tattica ma ci vuole carattere, e contro l’Atalanta ce l’hanno avuto“. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa