Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho cala il poker: la Roma mai così bella frena il volo Atalanta

Una Roma splendida espugna il Gewiss Stadium

Il terremoto non c’è stato soltanto in città. Al Gewiss Stadium si è abbattuto anche il terremoto Roma sull’Atalanta. A Bergamo, come a Milano e dintorni, per fortuna solo tanta paura.All’Atalanta invece tanta rabbia. Una scossa al minuto 1 e via, la Dea ha traballato, ha reagito, ma non è riuscita a riprendersi. Anche se pesa l’incertezza per quel 2-2 annullato al minuto 23 del secondo round, che Gasperini non è riuscito a spiegarsi.

Ma la miglior Roma della stagione ha meritato il successo. Una Roma determinata, pronta alla battaglia e alle ripartenze micidiali. Alla fine ha tirato quattro sberle alla Dea. Ad inizio gara Abraham (il migliore) in percussione ha saltato Djimsiti (forse trattenuto), evitato l’intervento di De Roon e tirato addosso a Hateboer in scivolata disperata. Chiaro che il gol lampo ha messo la partita in discesa per la Roma. Che poi però ha legittimato il vantaggio.

Mourinho non ha sbagliato nulla, a partire dal quel 3-5-2 stretto e basso. La Roma ha accettato i duelli uomo contro uomo e la maggior parte li ha vinti. Ha rischiato poco (e quel poco Rui Patricio lo ha neutralizzato), in compenso è stata cinica e micidiale in ripartenza.

Il raddoppio di Zaniolo è stato confezionato da un’azione combinata da Cristante, Mkhitaryan e Veretout. L’Atalanta, dopo il gol arrivato su tiro di Muriel deviato da Cristante, ha continuato a comandare la partita ma girando troppo intorno all’area, provandoci con tiri da fuori.

Questo perché la soluzione Zapata non era praticabile e in generale era dura trovare spazi in area: con Smalling, anche Ibanez e Mancini hanno giocato una gran partita. E quattro minuti dopo il possibile 2-2, ecco il terzo gol della Roma a opera di Smalling, Il bis di Abraham, un gioiello, è stato la ciliegina sulla torta di una gara, sua e della squadra, sontuosa. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa