Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham-Zaniolo è la coppia per la Roma presente e futura

Nico e Tammy, la coppia del presente e del futuro costruita da Mou

Non sono ancora la coppia più bella del mondo, ma Abraham e Zaniolo possono essere il futuro della Roma, un futuro vincente. L’emergenza degli esterni difensivi ha spinto Mourinho a passare a una difesa a tre, con un effetto collaterale anche sull’attacco: nel 3-5-2 serviva un compagno di reparto più vicino a Tammy Abraham. Il primo esperimento è stato con Shomurodov, poi è toccato a Zaniolo, che fin lì aveva faticato a fare l’esterno nel 4-2-3-1. La mossa, vista ora, sembra l’uovo di Colombo. Mourinho ha schierato Abraham e Zaniolo in coppia in quattro occasioni: Roma-Zorya 4-0, Roma-Torino 1-0, Bologna-Roma 1-0, Atalanta-Roma 1-4. Tre vittorie e una sconfitta, 9 gol fatti e 2 subiti. Il rendimento della squadra ne ha beneficiato, ma anche quello dei due singoli: Abraham ha segnato 5 gol e Zaniolo 2. La rete di Bergamo, oltre che particolarmente bella, è stata liberatoria: il numero 22 non segnava in Serie A da 22 luglio 2020.

La partita di Bergamo, la migliore giocata dalla Roma in questa stagione, ha fatto vedere anche l’importanza di avere una coppia di attaccanti così fisici. Abraham e Zaniolo hanno sempre accettato e spesso vinto i duelli con i difensori bergamaschi, hanno difeso palla facendo rifiatare la squadra e hanno colpito in campo aperto, colpendo al cuore Toloi, Palomino e Djimsiti. Abraham ha 24 anni, Zaniolo 22: il futuro è loro. L’impressione è che la coppia non verrà divisa nemmeno con l’eventuale ritorno dalla difesa a 4. Il ritorno di Pellegrini con l’anno nuovo potrebbe portare ad un 4-3-1-2, oppure il capitano potrebbe essere una delle due mezzali nel 3-5-2. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa