Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp recupera, ElSha ci prova

Il Faraone tenta il recupero per l’ultima dell’anno

Ultimi due allenamenti del 2021 per la Roma, che mercoledì sfiderà la Sampdoria alle 18.30 all’Olimpico e poi si fermerà per una settimana. Mourinho ha già deciso di concedere almeno sette giorni di vacanze ai suoi, la ripresa verrà fissata il 31 dicembre o direttamente il 1° gennaio, quando mancheranno cinque giorni alla trasferta in casa del Milan. Intanto il tecnico sabato sera ha portato a cena lo staff all’Eur per festeggiare il successo di Bergamo.

Per la Samp dovrebbero essere disponibili gli stessi effettivi di Bergamo, più Felix che rientrerà dalla squalifica. Appare quasi scontata la conferma degli stessi undici che hanno vinto la gara contro l’Atalanta. Stringerà ancora i denti Karsdorp, che contro l’Atalanta ha subìto un duro colpo sopra la caviglia ma è rimasto in campo e ha già risposto “presente” per l’appuntamento di mercoledì. Nessun problema anche per Veretout, che ha rischiato di farsi male al ginocchio durante il match di sabato ma se l’è cavata con un grosso spavento. Qualche piccola chance di recupero per la Sampdoria ce l’ha El Shaarawy, che ieri mattina ha svolto ancora allenamento individuale. Tra oggi e domani si farà un punto della situazione con i medici, ma non c’è voglia di far correre alcun rischio al “Faraone”, potendo contare sulla sosta per completare il percorso di rientro. Al più tardi El Shaarawy ci sarà contro il Milan, lo stesso obiettivo di capitan Pellegrini che ha smaltito quasi del tutto la lesione muscolare. Tempi più incerti per Spinazzola, atteso da un nuovo consulto a gennaio col chirurgo prima di aumentare i carichi di lavoro in vista del graduale rientro in gruppo. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa