Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nelle mani di Smalling

Con lui in campo è un’altra Roma

Forse la svolta è, a 32 anni, aver alzato la soglia del dolore: dopo il fastidio accusato contro lo Spezia, molti -Mourinho compreso- avranno pensato che non sarebbe stato a disposizione per l’Atalanta, visti i precedenti. E invece, Chris Smalling ha stupito tutti: non solo lo abbiamo visto in campo al Gewiss, ma è stato al top. Bravo lui, ermetica tutta la difesa. Un caso? No. Smalling fa la differenza ma se è Smalling, quello vero. E’ un difensore che fa giocare bene gli altri, la magia del difensore di personalità. Con Smalling migliora anche Mancini, che nel reparto ha già un ruolo significativo. La presenza dell’inglese lo deresponsabilizza. Migliora Ibanez, già in crescita, ma il brasiliano ora agisce con più sicurezza ed è meno agitato. E chissà che magari anche Kumbulla possa tornare ad essere quello di Verona al fianco di Chris. La Roma ha una difesa da Champions: venti gol subiti, più di Inter, Milan, Napoli e Juve, ma meno di Atalanta, Lazio e Fiorentina.

Mourinho ha trovato in Smalling il suo centrale dominante, perfetto nel terzetto. Il dilemma per il futuro è sempre lo stesso: la fragilità dell’inglese. Ultimamente sta garantendo continuità e questa è una buona notizia: i problemi al ginocchio e quelli muscolare sembrano ora alle spalle. Reduce da cinque partite di fila da titolare, nelle prime dodici di campionato era stato schierato tra gli undici una sola volta. “Voglio restare a disposizione, ho già perso troppe partite” le sue parole dopo Bergamo. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa