Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I soldati di Mou. Da Smalling a Mancini, da Cristante a Ibanez: è nata una squadra di leader

Lo Special One ha avuto risposte importanti dai suoi calciatori

La Roma di Bergamo è ancora negli occhi di chi non vuole chiuderli, temendo poi che riaprendoli possa riaffiorare quella “squadra naif” più volte denunciata da Mourinho nelle ultime settimane. Nel giorno più difficile, contro l’avversario più complicato, è invece andata in scena una rivoluzione copernicana, pensando agli sguardi smarriti soltanto di una decina di giorni prima contro l’Inter.

La metamorfosi è stata totale. Smalling un gigante, in marcatura e per personalità, andando per la prima volta da quando è in Italia testa a testa con un avversario (Zapata). Zaniolo pronto a prendere calci ma anche a darli, come la scivolata che gli è costata il cartellino giallo nel primo tempo. Cristante, spesso e volentieri tacciato di poca personalità, un leone in mediana.

Per non parlare di Ibanez, ormai emblema del Mourinho’s style o di Abraham che, sotto gli occhi dell’ex Dzeko, ha giocato una partita degna del miglior Edin. Una squadra cattiva agonisticamente, concentrata, come da tempo non si vedeva. A tal punto che Mancini, uno che di carattere ne ha da vendere, si è dovuto riscoprire a far da paciere.

Ma dove nasce tutto ciò? Bisogna tornare indietro a questa estate. “Habemus squadra” scrisse José sul proprio profilo Instagram all’indomani della rissa estiva con il Porto, postando anche una foto che lo ritraeva compiaciuto in panchina a braccia conserte gustandosi la scena. Erano trascorse appena tre settimane e probabilmente era stato troppo ottimista.

Quella era stata perlopiù una reazione di pancia, dettata dalla volontà di una squadra che voleva compiacere il mostro sacro che aveva deciso di allenarla. Per cambiare realmente la testa del gruppo, c’è voluto più tempo. E il primo a rendersene conto è stato proprio Mou. Illuso dallo spirito battagliero mostrato in Portogallo (reiterato nel match con il Betis), si è reso conto che per “fare la guerra” e “andare in battaglia”, ci voleva una rosa più larga.

Non bastavano i 13-14 sui quali aveva puntato, anche perché squalifiche e infortuni hanno spesso ridotto le scelte all’osso, costringendolo a inserire elementi non ancora pronti. Nei giorni di avvicinamento alla gara con l’Atalanta, José ha fatto leva sull’amor proprio dei calciatori.

A Bergamo, poche ore prima dell’inizio del match, nella riunione tecnica ha scherzato con loro, pungolandoli: “Dovevamo essere noi a sorprendere tutti, soprattutto quelli che tutti i giorni ci ricordano che da mesi, anni e giorni non vinciamo contro una grande, e invece è arrivato il terremoto“. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa