Resta in contatto

Rassegna Stampa

La rabbia di Mou: “Ho una rosa ristretta”

Delusione all’Olimpico

Due passi indietro per la Roma, dopo il convincente salto in avanti fatto a Bergamo. Il faticoso pareggio arrivato contro la Sampdoria (1-1) inasprisce nuovamente la pendenza della risalita che i giallorossi stanno tentando verso il quarto posto in classifica. “Non abbiamo giocato bene, ma meritavamo di vincere nella ripresa – spiega Mourinho – ci abbiamo provato e giocato cercando di vincere creando dominio.Ma la partita è stata bruttissima perché la squadra che voleva vincere non ha giocato per niente bene e quella che non voleva vincere ha fatto la partita che voleva e ha preso un punto. Siamo forse stanchi è normale, ho una rosa senza troppe alternative, però nella ripresa non ho visto questo, meritavamo comunque più di un punto anche se abbiamo giocato male“.

Si chiude quindi male il 2021 per i giallorossi che conquistano solamente un punto, rendendo indigesto il Natale ai cinquantamila tifosi presenti all’Olimpico. “Prima della partita ho detto ai giocatori che possono giocare bene o male, vincere o non vincere, ma ci sono cose che quando le impari non le perdi più. Con l’Atalanta abbiamo avuto coraggio di giocare, la voglia di pressare e vincere tutti i livelli, di giocare veloce e il rammarico oggi è non aver visto questo tipo di atteggiamento. Non voglio essere troppo critico con loro, ma non abbiamo giocato bene. Speriamo torni Pellegrini dopo la sosta, se non succede niente col Covid con questi viaggi all’estero. La nostra classifica è normale, abbiamo avanti chi è normale lo sia“.

Da verificare le condizioni di Abraham, uscito a inizio secondo tempo dolorante alla caviglia, dopo aver tentato di fare uno scatto, e sostituito da Felix. Ora una settimana di vacanze per tutti e poi la ripresa, a Capodanno, per cominciare a preparare la partita della Befana, contro il Milan, a Milano. Tre giorni dopo, la Juventus, all’Olimpico. Lo scrive “La Repubblica”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa