Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maitland-Niles in salita: l’Arsenal non fa sconti

I Gunners non fanno sconti: Maitland-Niles rimane bloccato

Per il mercato di gennaio, in entrata due priorità: un esterno che possa dare il cambio a Karsdorp e un centrocampista centrale. Per quanto riguarda il laterale, continua la trattativa con l’Arsenal per definire il prestito di Maitland–Niles, con cui la Roma ha già raggiunto un accordo.
Già la scorsa estate Tiago Pinto ha avuto modo di capire quanto sia difficile trattare con la dirigenza dei Gunners, e infatti lo svizzero Xhaka è rimasto a Londra. Se non si riuscirà a superare la differenza tra la richiesta (15 milioni per l’obbligo di riscatto) e l’offerta (10 milioni per il diritto), la Roma dovrà battere altre piste. Una porta in Germania, dove piace Almamy Touré dell’Eintracht: 26 anni da compiere, nato in Mali ma con passaporto francese, ha giocato poco e costerebbe meno di Maitland–Niles.

Per quanto riguarda il centrocampo, il preferito resta Florian Grillitsch dell’Hoffenheim, che ha il contratto in scadenza a giugno. Possibile nei prossimi giorni un incontro tra Pinto e l’agente del calciatore, per provare a dare un’accelerata alla trattativa. Sempre viva la pista che porta a Boubacar Kamara del Marsiglia, anche lui con il contratto in scadenza: la trattativa è facilitata dai buoni rapporti tra i club dopo la doppia operazione che ha portato a in Francia Pau Lopez e Cengiz Under. In Inghilterra, invece, hanno accostato alla Roma il nome di Tanguy Ndombele, centrocampista francese del Tottenham che non trova spazio con Antonio Conte. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa