Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho e Pinto in pressing sul No vax. Mayoral contagiato: i positivi sono due

Il club in pressing sul calciatore no vax

Il conto alla rovescia è iniziato. Tra 7 giorni, secondo le disposizioni dell’ultimo decreto governativo, anche gli atleti di sport di squadra all’aperto potranno svolgere l’attività agonistica soltanto se muniti del super green pass. Autorizzazione che si ottiene esclusivamente dopo essersi sottoposti al vaccino oppure con la guarigione avvenuta negli ultimi sei mesi dal Covid-19.

Vita dura quindi per i 28 calciatori no Vax (da ieri della lista non fa più parte Sansone del Bologna) che militano in serie A, tra i quali figura il titolare della Roma di Mourinho. Anche perché i colloqui che stanno andando avanti tra le istituzioni calcistiche e quelle governative per provare ad ottenere una deroga, sinora non hanno portato frutti. E soprattutto, all’orizzonte, sembrano esserci pochi margini di trattativa per ottenere un protocollo ad hoc.

Il dialogo tra le parti è continuo ma ad oggi – proprio considerando il fascino del calcio e la difficoltà che ci sarebbe nello spiegare al resto della popolazione questa eccezione – non sembra ci sia spazio per nessuna esenzione. Tra l’altro la partita si chiuderà in anticipo già mercoledì, quando è previsto il Consiglio dei ministri che in agenda potrebbe porre sul tavolo addirittura nuove misure più restrittive, tra cui l’estensione del super green pass obbligatorio per accedere al lavoro. In un contesto del genere, fare un’eccezione per 28 calciatori risulterebbe alquanto ostico.
La Roma, avendo dall’inizio della pandemia conosciuto la posizione del suo tesserato e per privacy non comunicato il nome, era riuscita ad abbassare l’attenzione sulla questione, consapevole come fosse sufficiente il tampone per scendere in campo. In quest’ottica, pur volendo attendere altre 48 ore per una linea-guida definitiva, sono già iniziati i colloqui con il giocatore, fondamentale per la squadra e nello spogliatoio. Sia Mourinho che Pinto stanno provando a convincerlo. Il diretto interessato ha preso tempo, consapevole tuttavia a cosa potrebbe andare incontro. Tradotto: taglio dello stipendio sulla falsariga di quanto comunicato a fine novembre dal Bayern Monaco ai 5 elementi no Vax in squadra.

Sale intanto a due il numero dei positivi nella rosa giallorossa. Al calciatore, recidivo, che non ha voluto comunicare il nome, si è aggiunto ieri Mayoral. Lo spagnolo già in isolamento da sabato dopo essere stato a stretto contatto con una persona contagiata (la fidanzata), è stato in vacanza a Dubai durante la sosta natalizia. È in buone condizioni e ha voluto rassicurare i tifosi attraverso Instagram: “Ciao a tutti, mi hanno comunicato di essere positivo al Covid. Io sto bene, isolato e seguendo tutti i protocolli. Nel frattempo mi alleno in casa in attesa di poter tornare con la squadra”. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa