Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maitland firma e gioca subito. Arriva Oliveira

Con la squalifica di Karsdorp, domenica potrebbe toccare subito all’inglese

Adesso la Roma ha fretta di regalare a Mourinho il secondo colpo del mercato di gennaio. La trattativa per arrivare a Sergio Oliveira – portata avanti in gran segreto da Tiago Pinto – va avanti e il general manager giallorosso vorrebbe chiudere in tempi brevi con il Porto: la formula proposta dai giallorossi è quella di un prestito oneroso con diritto di riscatto. La speranza è quella di riuscire a portare a Trigoria il centrocampista il prima possibile ma Pinto sceglie il basso profilo: “Non è ancora il momento di parlare dei centrocampisti. Maitland-Niles invece è vicino, stiamo parlando con l’Arsenal”.

In realtà con i Gunners è stato raggiunto un accordo ormai da tre giorni e il ventiquattrenne è atteso questa mattina nella Capitale per firmare il contratto che lo legherà alla Roma fino a giugno, con l’obiettivo di conquistare lo Special One e convincere il club ad avviare una nuova trattativa per acquistarlo a titolo definitivo a fine stagione. Il tecnico vorrebbe convocare l’inglese già per la gara di dopodomani con la Juventus: difficilmente potrà giocare dal 1′ ma averlo a disposizione sarebbe comunque importante vista l’emergenza sulla fascia destra. Nel match con i bianconeri infatti il tecnico non avrà a disposizione un terzino destro di ruolo vista l’assenza di Karsdorp, che salterà il big match a causa dell’espulsione rimediata a San Siro. L’olandese assisterà alla gara in tribuna insieme a Mancini, anche lui espulso nei minuti finali della gara persa con il Milan. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa