Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maitland-Niles c’è e oggi già si allena. Ora tocca a Oliveira: affare ai dettagli

Prosegue la trattativa per il centrocampista del Porto, Maitland corre verso la Juve

Definito l’arrivo di Maitland-Niles (contratto in Lega depositato), ora il lavoro di Pinto si concentra su Sergio Oliveira. La conferma dell’imminente partenza del centrocampista è confermata dal tecnico del Porto, Conceiçao. Che a dir la verità non è apparso molto felice dell’addio: “Cosa devo dirvi? Confido molto in un presidente come da Costa che ha vinto 63 titoli“.

Quella di Oliveira è una storia abbastanza singolare. Perché pur militando nel Porto dall’età di 10 anni – è il debuttante più giovane di sempre in prima squadra a 17 anni, 4 mesi e 15 giorni – ha poi dovuto faticare per affermarsi. La sua carriera è stata quindi caratterizzata da una serie infinita di prestiti (Beira-Mar, Mechelen e Penafiel) più un passaggio nella squadra B del Porto e un nuovo prestito, stavolta biennale, al Paços Ferreira. Rientrato in prima squadra nel 2016, ha poi iniziato ad alternare una stagione nei Dragoes e un’altra fuori.

Passa così al Nantes, dove trova proprio Conceiçao. Non contento si trasferisce al Paok, prima di tornare in pianta stabile al Porto quando l’ex laziale diventa l’allenatore. Due stagioni da protagonista e ora l’addio a sorpresa. La Roma sta ultimando la trattativa sulla base di un prestito (1,2 milioni) più un diritto di riscatto fissato a 15 milioni. Il calciatore è d’accordo, il Porto pure. Va soltanto rassicurato Conceiçao che chiede subito un sostituto. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa