Resta in contatto

Rassegna Stampa

Sergio Oliveira, sprint Roma: vuole oggi il sì

I giallorossi spingono per il centrocampista del Porto

E adesso Sergio Oliveira. La Roma si porta avanti con il lavoro, per completare la rosa e accontentare Mourinho già nei primi giorni di mercato. Dopo Maitland-Niles, l’esterno destro che servirà come alternativa a Kardsorp, è nella fase decisiva la trattativa per il centrocampista. Già oggi è atteso il sì. La regia dell’operazione è stata affidata a Jorge Mendes, procuratore di Sergio Oliveira oltre che di Mourinho e Rui Patricio: devono essere ancora sistemati alcuni dettagli con il Porto ma la scelta è stata ormai compiuta.

Sergio Oliveira, classe ’92, non è esattamente un ripiego per la Roma: Tiago Pinto aveva provato a prenderlo già l’estate scorsa, quando aveva intuito che non sarebbe riuscito a convincere l’Arsenal a vendere Xhaka. Ma in quel momento il Porto, che aveva ricevuto anche una buona proposta dalla Fiorentina, chiedeva 20 milioni per lasciarlo partire.

Oggi le condizioni sono molto diverse perché Sergio Oliveira, che ha un contratto fino al 2025, ha perso il posto da titolare e anche la nazionale, che non incrocia ormai dagli ottavi dell’Europeo. In Portogallo scrivono che Sergio Conceicao si sia speso con la presidenza per bloccare la trattativa con la Roma. Ma ieri Conceicao, a domanda diretta sul tema, ha svicolato confermando indirettamente il possibile trasferimento: “Ho fiducia nei dirigenti, qualunque decisione verrà presa“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa