Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Arriva Oliveira, Reynolds e Villar pronti all’addio

Pinto al lavoro: il mercato di gennaio non è finito

In estate sarà rivoluzione, tanti “big” o presunti tali sono a rischio, ma il gm giallorosso Tiago Pinto vuole riuscire nell’impossibile, anticipando alcuni arrivi già nella finestra attuale. E in parte la missione è a buon punto. Dopo Maitland–Niles, l’arrivo di Sergio Oliveira è ormai cosa fatta: lo sbarco è previsto nella mattinata di oggi per le visite mediche di rito e la firma sul contratto.

Roma e Porto hanno raggiunto l’accordo sulla base del prestito oneroso a un 1,5 milione di euro e diritto di riscatto fissato a 13,5 milioni. Grazie al supporto della Gestifute di Jorge Mendes, Tiago Pinto è riuscito a chiudere la trattativa senza inserire l’obbligo di riscatto nell’affare.

Per entrambi ogni discorso sarà rinviato al termine della stagione, quando ci saranno tutti gli elementi del caso per decidere le sorti dei loro riscatti. Ma il mercato giallorosso punta a non fermarsi qui: sondati diversi profili di difensori centrali (piacciono Sarr e Gigot), ma prima di ogni cosa occorre registrare diverse uscite.

Reynolds sta per salutare e trasferirsi in Belgio: fino a giugno giocherà con la maglia dell’Anderlecht. Anche la Liga potrebbe dare una grossa mano alla Roma: il Getafe è ad un passo da Villar (con la formula del prestito) e ha messo gli occhi su Borja Mayoral, il Valencia invece ha chiesto informazioni su Amadou Diawara, ora impegnato in Coppa d’Africa con la Guinea.

Una volta sistemate queste operazioni in uscita, Tiago Pinto avrebbe margine di manovra per consegnare a Mourinho un altro giocatore, in grado di rendere sin da subito la Roma più competitiva. I sogni di qualificazione in Champions League sono ormai svaniti, ma restano le due coppe da giocare al meglio delle proprie possibilità, soprattutto la Conference League. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa