Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Freitas: “Oliveira l’uomo giusto per Mourinho, ha personalità ed esperienza”

Il connazionale del nuovo centrocampista giallorosso spende paroe d’elogio: “Lui l’uomo giusto per Josè Mourinho”

Carlos Freitas, ex DS della Fiorentina dal 2016 al 2019, ha parlato del neo acquisto della Roma Sergio Oliveira sulle colonne della Gazzetta dello Sport. Ecco le sue parole:

Freitas, che giocatore arriva alla Roma?

“Un calciatore nella piena maturità, che lo scorso anno ha segnato quasi 20 gol. Un centrocampista diverso da Cristante, Pellegrini o Veretout. Sergio è uno che controlla il ritmo, sa gestire la palla e non ha paura di giocarla. È forte nei calci piazzati e ha una qualità che cerca Mourinho”.


A cosa si riferisce?

“È un giocatore che sa gestire la pressione, cosa molto importante in una piazza come Roma. Per giocare in un ambiente caldo non si può essere dei bambini. E può portare l’abitudine a vincere e la rabbia di non vincere, perché al Porto è così, sei sempre costretto a vincere anche le amichevoli”.

È più adatto ad un centrocampo a due o a tre?

“A due è il secondo uomo, non quello che va. A tre una mezzala, bravo nel calcio corto e in quello lungo. Non ha la fantasia di Pastore, ma la personalità per giocare in ogni situazione: costruisce, aiuta, si propone sempre”.

Come mai al Porto quest’anno giocava poco?

“Nella scorsa stagione ha riconquistato la nazionale, poi il mancato passaggio alla Fiorentina gli ha fatto perdere concentrazione. Conceiçao poi è un allenatore molto esigente e nel frattempo si è imposto Vitinha, un giovane molto valido”.

Lei a giugno pagherebbe 13 milioni per averlo?

“È un investimento sportivo, non per fare plusvalenza. Se fossi al Sassuolo non li pagherei, alla Roma sì. Per vincere serve gente matura”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa