Resta in contatto

Rassegna Stampa

Arrivati i rinforzi, spariscono gli alibi: ora è la squadra di Mou

Mourinho punta alla svolta in tre mosse

La Roma cambia pelle, il mese di gennaio può rappresentare il vero punto di svolta della stagione giallorossa. Basta mediocrità, la nuova parola d’ordine diventa personalità. E un mercato di “riparazione” che si preannunciava interlocutorio sta invece ridefinendo rapidamente i contorni della rosa giallorossa.

Porte girevoli in azioni a Trigoria: dopo aver accolto Maitland–Niles e Sergio Oliveira, hanno salutato Calafiori, Borja Mayoral e Villar, in attesa di veder transitare anche Reynolds. Senza considerare che al termine della sessione mancano ancora due settimane e la squadra mercato al seguito di Tiago Pinto è tutt’altro che ferma: qualora le contigenze lo permetteranno, non è da escludere possa esserci margine per un potenziale terzo rinforzo.

Inoltre, le ultime indicazioni portano a pensare che lo Special One abbia deciso di tornare a giocare con il suo modulo preferito, il 4-2-3-1, soprattutto dopo aver ascoltato le preferenze tattiche dell’ultimo arrivato: “Nei due mi piace giocare un po’ più basso”. In sostanza Sergio Oliveira a dettare i tempi, Veretout, il compagno ideale per caratteristiche, a completare il reparto. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa