Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pressing su Diawara per l’addio: se parte, c’è Kamara

Tiago Pinto punta al terzo rinforzo

L’ufficialità (si fa per dire) racconterebbe che il mercato giallorosso di gennaio, grazie al rapido arrivo di Maitland–Niles e Sergio Oliveira, potrebbe dirsi concluso. Ma sotto traccia il general manager Tiago Pinto si sta muovendo per assicurare a José Mourinho un terzo rinforzo: il nome su cui si concentra l’attenzione in uscita è Diawara.

Anche se il centrocampista piace al Valencia, a rendere la trattativa ancor più difficoltosa c’è il fatto che il giocatore in questo momento è in Coppa d’Africa. La Roma comunque non demorde, anche perché il sostituto piace parecchio, visto che si tratta di Boubacar Kamara del Marsiglia, 22 anni, che nasce difensore ma ha imparato a giocare anche a centrocampo. Insomma, il classico “due al prezzo di uno”.

Ma a che prezzo? Non elevato, perché il francese di origine senegalese a giugno sarà svincolato e quindi la cifra richiesta non può essere superiore ai 4-5 milioni. Vero che diverse società di Premier League hanno messo gli occhi sul giocatore, ma il club francese ha ottimi rapporti con la Roma, a cui in estate dovrà pagare circa 20 milioni per via del fatto che è scattato l’obbligo di riscatto su Under (8 milioni) e Pau Lopez(12).

Insomma, i margini di manovra non sarebbero pochi, anche se la società giallorossa vorrebbe fare dei risparmi dopo i tanti esborsi sul mercato estivo. In questo senso, sembra complicato arrivare a Ndombelédel Tottenham, visto che guadagna 8 milioni netti a stagione e a Londra ha avuto rapporti non idilliaci con Mourinho. L’allenatore portoghese invece, secondo la tv francese, avrebbe chiamato Kamara per sondarlo ed esprimergli il proprio apprezzamento. Basterà? Occorre aspettare. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa