Resta in contatto

Rassegna Stampa

Lezioni di portoghese: Oliveira sveglia la Roma

Il portoghese subito protagonista

Fino a ieri il difetto maggiore della Roma era non avere un’identità forte. In una sera, contro un Cagliari a pezzi, ha trovato forse il volto su cui pensare di costruire il proprio futuro: la nuova Roma ha il passaporto portoghese e il carattere dell’ultimo arrivato.

È bastata mezz’ora da giallorosso a Sergio Oliveira per prendersi il pallone sotto braccio mentre l’arbitro Maggioni decideva davanti a un monitor che il tocco con la mano di Dalbert meritasse il rigore. Palla da una parte, Cragno dall’altra. E la certezza di aver trovato sul mercato almeno la soluzione a uno dei problemi:l’unico gol dal dischetto era arrivato nel derby perso, in mezzo a una striscia di occasioni sprecate iniziata a maggio con Dzeko e proseguita in questa stagione con tre errori su quattro tiri, compresi quelli parati da Szczesny a Veretout e Pellegrini, prima a Torino e poi pure all’Olimpico.

L’ultimo mattone di un’anima radicata come gli azulejos nelle chiese di Lisbona, consolidata da anni, con Fonseca prima, poi Pinto, Mourinho, il suo staff e l’agente, Mendes, sempre più influente nel mercato romanista. Nessuno in campo s’è stupito che il pallone l’avesse allora preso Oliveira, arrivato solo 96 ore fa: “Il primo rigorista era Pellegrini, ma ha avuto un problema nel riscaldamento“, ha raccontato lui a fine partita. “Avevamo deciso che io sarei stato la seconda opzione, ho preso la palla ed è andata bene“. Magari per caratteristiche non è il regista che sognava e continua a sognare Mourinho, ma nei 90 minuti che ha chiuso esausto — eredità dello spazio risicato che gli era concesso al Porto — ha dimostrato di avere tutto ciò che alla Roma è mancato finora: idee chiarissime, il carisma per farsi dar la palla, per giocarla guardando la porta avversaria e non la propria, vizio invece molto diffuso tra i suoi nuovi compagni. Troppo spaventati di rischiare, troppo imprecisi quando lo fanno: gli errori di Abraham, di Zaniolo, di Felix nell’area del Cagliarihanno lasciato appesa una partita senza storia, ma avarissima di gol. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa