Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Vittoria meritata ma dovevamo chiuderla prima”

Lo Special One non soddisfatto della prova dei suoi

Sbraccia e soffre dalla panchina come fosse il dodicesimo in campo, ma alla fine Mourinho può sorridere e scaricare la tensione con tre punti in tasca. Da esperto uomo di calcio lo Special One sa che la sua Roma ha rischiato la beffa clamorosa e non dimentica di elogiare Rui Patricio per il miracolo su Joao Pedro, usando comunque parole dolci per la squadra che è stata capace di reagire al brutto ko con la Juventus: “Non so perché non riusciamo a chiudere prima le partite. La vittoria è super importante, è stata una gara tranquilla in cui si poteva fare subito gol, poi il 2°, il 3° o il 4° nel secondo tempo, ma poi poteva finire 1-1… Abbiamo dominato, potevamo vincere 4-0 o 5-0, nonostante questo ho sentita la pressione fino alla fine e potevamo perdere punti”.

Mou ci ha tenuto ad elogiare la società per la tempestività con cui si è operato sugli acquisti (Tiago Pinto: “Il mercato è dinamico e può succedere sempre qualcosa“) ed ha voluto tendere la mano a Kumbulla dopo le numerose bastonate dei mesi scorsi: “È stato il migliore, ha fatto una partita fantastica. Avevo perso la fiducia in lui contro il Bodo, ma ha reagito ed ha dimostrato di essere un mio giocatore“.

Nel frattempo il tecnico portoghese incrocia le dita per Pellegrini, costretto ad alzare bandiera bianca poco prima del fischio d’inizio del match. Il capitano ha accusato un fastidio muscolare proprio nello stesso punto della coscia che lo aveva costretto ad un mese di stop da fine novembre. Il numero 7 non è andato neanche in panchina e le sue condizioni saranno più chiare soltanto dopo la consueta ecografia da svolgere a Trigoria (domani la ripresa in vista della Coppa Italia). Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa