Resta in contatto

Approfondimenti

Roma, quanti sprechi! Tanti tiri e pochi gol: ecco i dati che danno ragione a Mourinho

Il tecnico giallorosso dopo Roma-Cagliari ha sottolineato come la Roma sfrutti poco le occasioni che crea: e i numeri gli danno ragione

Tante occasioni e un solo gol (su rigore): questa è la sensazione più diffusa tra tifosi e addetti ai lavori dopo Roma-Cagliari di ieri pomeriggio. Una sensazione confermata dai dati e, soprattutto, denunciata dalle parole di Mourinho nel post partita ai microfoni di Dazn.

“Spero che in qualche partita facciamo tanti gol, le opportunità le abbiamo. Ho visto qualche statistica, siamo la squadra con più tiri in porta, mamma mia… “. Così lo Special One si è lasciato andare dopo il successo di misura contro i sardi all’Olimpico, manifestando una certa insoddisfazione per la poca precisione sotto porta e, in generale nelle scelte in fase di rifinitura e finalizzazione dell’azione. Guardando i numeri, le parole del tecnico giallorosso sono una fotografia più che veritiera delle abitudini della squadra.

La Roma, infatti, è seconda in Serie A per tiri effettuati con 353 conclusioni (e probabilmente, come detto da Mourinho, prima di Atalanta-Inter era in testa), alle spalle soltanto dell’Inter con 358 tiri. Mentre per tiri in porta, i giallorossi occupano il terzo posto della graduatoria, con l’Inter in vetta (136), seguita da Sassuolo (127) e Roma (111). Ma la poca precisione è dettata dalla percentuale di tiri in porta che vengono trasformati in rete: se la Roma è sul podio per conclusioni tentate, ha, di contro, soltanto l’ottavo attacco del campionato, con 36 reti in 22 partite (media di 1,64 gol a partita).

La percentuale di gol per tiri in porta, infatti, è bassissima: soltanto il 32% delle conclusioni nello specchio della porta si trasformano in rete. Un dato preoccupante se si confronta con quello, ad esempio, del Milan (47%),  della Lazio (44%), dell’Atalanta (42%), o dell’Inter (38%).

Altri dati significativi della produzione offensiva giallorossa sono certamente quelli dei corner e dei legni colpiti. La Roma, infatti, è prima per calci d’angolo in Serie A (138) e seconda per legni (9 al pari del Napoli), con quest’ultimo dato che mette insieme sfortuna e imprecisione: due termini, da sempre, ricorrenti quando si parla di Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti