Resta in contatto

News

Shomurodov, ultima chiamata. Chance anche per Perez

Turnover iniziale in Coppa Italia

Conta vincere, è chiaro. Anche perché è una partita da dentro o fuori e domani sera la Roma si gioca a tutti gli effetti una delle competizioni, quella Coppa Italia che poi è l’ultimo trofeo portato a casa nel lontano 2008. Ma l’avversario è ovviamente inferiore, il Lecce.

Ed allora Mourinho domani potrebbe davvero ricorrere a un po’ di turnover, anche perché la partita si infila in quella di domenica scorsa con il Cagliari e quella che i giallorossi giocheranno tre giorni dopo ad Empoli, sempre in campionato. E in quel turnover ci potrebbe essere anche qualche ultima chiamata.

Mourinho va verso la conferma del 4-2-3-1 e davanti potrebbe anche decidere di dare spazio a Carles Perez e Shomurodov, che che si sono visti scavalcare nelle gerarchie degli attaccanti giallorossi dal giovanissimo Felix. Perez ultimamente è stato impiego meno di Shomurodov, che invece è entrato in corsa contro la Juventus e con il Cagliari, ma in entrambe le situazioni ha fortemente deluso. Domani per entrambi potrebbe essere l’occasione di riscatto. O, quantomeno, quella per dare un segnale all’allenatore portoghese.

Dovrebbe poi trovare ancora una maglia Marash Kumbulla, elogiato da Mourinho a più riprese subito dopo la vittoria colta proprio contro i sardi. Ecco, per questi tre giocatori la partita di domani potrebbe essere davvero importante, per cercare di riguadagnare posizioni nella considerazione del tecnico romanista. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News