Resta in contatto

News

Julio Sergio: “Lo sfogo di Mourinho? Lui sa quello che fa. Rui Patricio bel portiere”

Auguri Ranieri

L’ex portiere giallorosso Julio Sergio ha detto la sua sulla Roma e su Josè Mourinho: le sue parole

L’ex portiere brasiliano giallorosso, Julio Sergio, ha parlato sulle frequenze di Centro Suono Sport. Ecco il suo pensiero sulla Roma e su Josè Mourinho:

Com’era Claudio Ranieri nei momenti di difficoltà?
“Difficile vederlo nervoso o arrabbiato, alcune volte alzava la voce. Anche quando faceva queste cose, però, rimaneva un gentleman”.

La “sfuriata” di Mourinho?
“Non è facile gestire uno spogliatoio, Mourinho è uno che capisce di calcio. Ai giocatori possono piacere o meno determinate scelte, ma devono sempre rispettarlo, lui parla in faccia. Se facciamo un paragone con le altre rose, non so se la Roma possa giocarsela in maniera competitiva, meglio avere un tecnico così che abbia carattere e sia in grado di gestire l’ambiente. Lui sa quello che fa affinché i calciatori abbiano un rendimento migliore”.

Mourinho, quando eri alla Roma, era tuo avversario all’Inter.
“Lui si mette sempre al centro, lasciando i giocatori tranquilli. È una persona incredibile e tutto lo apprezzano, è veramente una persona buona e questa è l’immagine che ho di lui. Ha un cuore enorme, però riesce tra virgolette a litigare quando ha bisogno per difendere i suoi giocatori. Ha esperienza per gestire l’ambiente”.

Che ruolo deve avere un presidente in una squadra di calcio?
“Il presidente deve essere sempre presente nello spogliatoio. Non è un problema se parla fuori, però deve farsi sentire. Non vedo grossissimi problemi, quello che ho sempre detto è che la mia Roma ha avuto Francesco Totti, è unico e non ci sarà mai più. Dopo tutto questo, quando la Roma ha avuto realmente una squadra per vincere il campionato? Mourinho da solo non vince nulla, non gioca lui. Dobbiamo pensare se le critiche siano giuste o meno, poi sono sempre i giocatori quelli che vanno in campo. Se Mourinho può lavorare di più, i giocatori possono migliorare ancora”.

I Friedkin parlano poco: quanto può influire questo in uno spogliatoio?
“Quando un allenatore deve sprecare tante energie per fare altro, Mourinho è anche umano e non può fare tutto lui, diventa pesante anche per lui. Sarei dispiaciuto se si stancasse, è importante per la Roma quindi vorrei che ci sia rispetto per la gente e per Mourinho”.

Quanto ti senti romanista?
“Non sono nato a Roma, quello che Roma mi ha dato e quello che mi ha dato la società è tantissimo. Ho tanti amici, i miei figli sono nati a Roma, io mi sento anche un po’ romano, ho vissuto 8 anni a Roma e sono stati probabilmente i migliori”.

Vorresti tornare a Roma?
“Sì, sto finendo i miei studi qui e voglio tornare a vivere a Roma”.

Rui Patricio?
“A me piace perché è un portiere esperto, ha fatto grandi cose. Non riesco a vedere tutte le partite perché qui in Brasile non le trasmettono tutte, però è un portiere regolare. In Italia è un altro calcio, il portiere deve crescere con il tempo. A parte Alisson che è un fenomeno, gli altri portieri hanno bisogno di tempo, Rui Patricio sta facendo bene e può fare ancora meglio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News