Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Perticone: “Mourinho è simpatico, ma io non sono un pirla. Che spasso i tifosi della Roma”

Il giocatore del Cittadella: “Ho giocato in C e posso assicurare che ognuno ha le proprie tigri da combattere”

Romano Perticone ha parlato di Mourinho dopo le discussioni sullo sfogo dello Special One che hanno reso partecipe anche il giocatore del Cittadella. Ecco le sue dichiarazioni al Messaggero.

Cosa ha pensato?
«Sono morto dalle risate nel leggere i commenti dei tifosi della Roma. Sono stati davvero simpatici. Esordivano con ‘A Pertico’…’».

C’è chi le ha dato ragione.
«Mourinho ha parlato di personalità e di una serie C senza le pressioni del grande calcio. Ho giocato in C e posso assicurare che ognuno ha le proprie tigri da combattere. È chiaro, le pressioni sono diverse così come i valori tecnici. Ma tutte le categorie richiedono un certo tipo di personalità e sono d’accordo sul fatto che se non hai certi valori non puoi indossare la maglia di una squadra della serie A».

Alla fine, pure Mourinho ha condiviso il suo pensiero. «Ha detto la verità, anche se i miei giocatori mi hanno raccontato che è scarso», il commento del tecnico alla vigilia della sfida col Sassuolo.
«Mi ha fatto molto ridere, è stato simpatico. Ma come ha detto lui una volta ‘io non sono una pirla’, non mi prendo mai sul serio. Lui per me è un grande. Ancora ricordo quella sconfitta per 3-0 contro l’Inter. Indossavo la maglia del Livorno e lui venne da noi per confortarci. Fu un gesto sincero, lontano dalle telecamere».

Guardando la partita della Roma contro il Sassuolo, il suo sfogo non ha sortito gli effetti sperati.
«È il più grande comunicatore di tutti, sa quello che fa. Se ha parlato in quel modo c’è un motivo. I risultati? Non sta a me giudicare il suo lavoro, è il contesto che ti determina. Quando vinci sei simpatico, con le sconfitte diventi invece antipatico».

Di certo il momento è complicato.
«Uno come lui non vede di buon occhio il secondo posto, figuriamoci gli altri piazzamenti. È abituato a vincere. Non è facile allenare a Roma e purtroppo siamo giudicati sempre per i risultati».

Le piacciono gli allenatori-motivatori?
«Io ho avuto il più grande motivatore di tutti che è Serse Cosmi. Abbiamo lavorato insieme a Livorno e poi ci siamo ritrovati a Trapani. È stato un vero maestro, col giusto materiale è in grado di ottenere risultati impressionanti. Non dimentichiamoci la sua impresa col Perugia».

Il suo prossimo bersaglio?
«Devo scegliere tra il Papa e Berlusconi (ride ndc)».

È scuola Milan, l’ex Presidente rossonero apprezzerà.
«Ti farò sapere».

In futuro invece dove si vede?
«Spero su una panchina. Ora sto studiando anche Scienze Motorie. Poi sai, sono un difensore giovane, di buone speranze e in scadenza…Magari il prossimo anno vengo a Roma (ride ndc)».

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Andrea Abodi
Il ministro dello sport e dei giovani ha rilasciato alcune dichiarazioni in occasione della festa...
Stadio Roma
I Comitati del No stadio insistono per non far realizzare il nuovo stadio della Roma...
Paolo Rongoni
L'ex preparatore atletico della Roma, Paolo Rongoni, ha spiegato qual è il segreto per riuscire...

Dal Network

  Joe Barone non ce l’ha fatta. Dopo il malore che lo ha colpito domenica pomeriggio,...

Gli USA pronti a ospitare le 32 squadre da tutto il mondo Nell’estate del 2025,...
Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...

Altre notizie