Resta in contatto

Rassegna Stampa

Con Abraham siamo tutti figli delle stelle

L’inglese autentico trascinatore

Siamo tutti figli di Abraham. È il centravanti moderno che la Roma insegue da anni. Prima Dzeko, poi l’inglese. Nessuno dei due eccelle di testa sotto porta, pur essendo entrambi due giganti affusolati. Ma a metà campo, da ultimo uomo lasciato lì per allungare la squadra, allora sì che Abraham di testa ci sa fare: la prende quasi sempre lui, se gli arriva alta, la smista sempre bene, se gli arriva bassa. Un uomo squadra che ha imparato presto la lezione e ancor più aveva capito che di gente come lui, nel gruppo, non c’era nessuno, anzi era già tanto che ce ne fosse uno.

Abraham è quattro soluzioni in una: è un trascinatore, è un risolutore, mestiere quest’ultimo che svolge con varie tecniche, è uno che fa salire la squadra, è un uomo a tutto campo perché può anche abbassarsi a recuperare palloni sulle fasce, oppure a raddoppiare (è stato visto) su una palla persa sulla propria trequarti.

Scontato che spazzi in area sui corner avversari. Meno scontato che a fine partita, a torso nudo, fradicio di sudore e di pioggia, sia quello che più si intrattiene sotto la curva, forse per capire meglio cosa voglia dire vincere un derby: che la vera vittoria, quella emotiva, non finisce col fischio finale: ma comincia. Ieri la doppietta di Abraham ci racconta del suo puro istinto di attaccante.

Prima colpisce di coscia la palla pazza del corner di Pellegrini finito sulla traversa, poi sa prima di Karsdorp dove Karsdorp indirizzerà fortissimo il cross del 2-0: e lì si concede un’acrobazia a porta vuota. Noi, figli di Abraham, faremmo bene a riflettere sul fatto che in tutte le partite in cui la Roma stenta, e non sono poche (ma non è stato il caso di questo derby) la squadra non riesce a rifornire Abraham. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa