Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Il nostro obiettivo è l’Europa, ma ancora non è fatta”

Queste le parole di Alessandro Spugna, Mister della Roma Femminile, dopo la vittoria di oggi contro il Sassuolo

Alessandro Spugna ha parlato al termine di Sassuolo-Roma, diciottesima giornata di campionato. Il tecnico è pienamente soddisfatto delle sue ragazze. Ecco le sue parole:

Partita dominata dalla Roma, nonostante non fosse un impegno facile.

“Che non fosse facile lo sapevamo, venivamo ad affrontare un avversario forte. L’atteggiamento delle avversarie è stato complicato nel primo tempo da affrontare, erano molto chiuse, ma siamo state brave ad avere la giusta pazienza per arrivare al gol del vantaggio. Poi abbiamo avuto qualche spazio in più, lì siamo state abili ad attaccare la profondità”.

La Roma ora è a più 6 sul Sassuolo. È una buona classifica.

“La classifica ci sta sorridendo, ma non dobbiamo pensare che è fatta per il secondo posto. La prossima partita sarà molto importante per la stagione (contro l’Hellas Verona, ndr), forse sarà la più importante, contro un’avversaria già retrocessa, ma non significa niente perché oggi ha vinto”.

La rosa sta dando tante risposte positive, nonostante le assenze.

“La rosa è di qualità, lo sapevamo, chiunque giochi in questo momento lo fa bene. Ciò ci permette di fare le belle prestazioni che stiamo facendo”.

Tanti sostenitori romanisti oggi sugli spalti, quasi chiedevano di portare la Roma in Europa.

“Stiamo facendo il massimo per poterlo fare. È bellissimo vedere tanta gente fuori casa, non è scontato. È stata una spinta in più, le ragazze l’hanno sentite. Speriamo, dai. Vogliamo farci e vogliamo fare questo regalo a loro”.

Sito ufficiale AS Roma 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile