Resta in contatto

Prima Squadra

Kumbulla: “È mancata un po’ di concentrazione. Il secondo gol era evitabile”

Le parole del difensore albanese

Marash Kumbulla ha parlato al termine del match perso dalla Roma sul campo del Bodø/Glimt, per l’andata dei quarti di finale di Conference League. Queste le sue parole:

KUMBULLA A SKY SPORT

Cosa è mancato dopo aver chiuso in vantaggio il primo tempo?
“È mancata un po’ di concentrazione, soprattutto sul secondo gol che era inevitabile. Adesso dobbiamo chiudere questa partita, pensare a domenica e poi a giovedì per il ritorno”.

C’è stata incertezza sulla palla inattiva all’89’, sono aspetti da migliorare?
“Sì, sicuramente. Da oggi impareremo qualcos’altro. Ora è inutile pensare a cosa potevamo fare, dobbiamo chiudere questa partita. Domani magari penseremo agli errori per migliorare”.

KUMBULLA A DAZN

Molto bene il primo tempo, poi l’episodio nel finale lascia l’amaro in bocca rispetto alla prestazione.
“Si, sicuramente il secondo gol fa un po’ più male, comunque mancava poco, era quasi finita. Abbiamo fatto un buon primo tempo, abbiamo avuto occasioni e segnato, nel secondo c’è mancato qualcosa, forse un po’ di gestione e concentrazione. Ora penseremo a domenica e poi al match di ritorno”.

Le difficoltà del campo sintetico?
“Chiaramente cambia tutto, il campo è più duro e loro sono più abituati, la palla va più veloce ma non ci sono scuse, dovevamo abituarci e giocare”.

Che indicazioni dà questa partita per il ritorno?
“Ci teniamo la prestazione del primo tempo, in cui abbiamo concesso poco e giocato con intensità. Dobbiamo essere più convinti, con il nostro pubblico in casa faremo di tutto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra