Resta in contatto

Conferenze stampa

Mourinho: “Partita difficile, ma siamo preparati. L’Olimpico sarà un vantaggio per noi”

Le parole del tecnico giallorosso

Josè Mourinho ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bodø/Glimt. Ecco le sue parole:

“Spinazzola non è ancora in grado di iniziare una partita, ma siamo tutti. Il Bodø ha qualità, partono da 2-1 ma non è niente di nuovo. Domenica perdevamo 1-0 contro la Salernitana, abbiamo 90’ per vincere. Partita difficile, ma siamo forti, preparati e sono molto fiducioso dei miei”.

Partita caricata di tensioni, dopo quanto accaduto in Norvegia. Come si affronta una gara così?
“Non ho visto nessun giocatore teso. In nessuna delle tre gare che abbiamo giocato. Sconfitta esemplare e di fair play. Noi reagimmo con onore a quel risultato. Mai un problema nelle gare successive, quello che è accaduto giovedì è stato fuori contesto. Un episodio brutto, ma isolato dal contesto. Noi domani volgiamo giocare, così come loro. Noi vogliamo andare in semifinale con un vantaggio per noi, che è il nostro stadio con la nostra gente.”

Risorsa della panchina, con gli innesti a gara in corso, e problema dello staff?
“La panchina come soluzione è molto importante, in questo momento penso il contrario rispetto al passato. Prima c’erano poche soluzioni, adesso ho diversi titolari. Con la Salernitana, senza quella panchina lì sarebbe stato impossibile vincere quella partita lì. Anche in Champions le panchine sono state importanti. Per il resto, dico solo: “Una bugia che si ripete diventa verità”. Ma per me una bugia rimarrà sempre una bugia”.

Vincere con due gol. Giusto partire con la stessa formazione?
“Differenza minima. Non abbiamo bisogno di fare un cambio drammatico. È 2-1 per loro, abbiamo bisogno di un gol per pareggiare. Non abbiamo avuto tempo di preparare qualcosa di particolare rispetto a quello che facciamo di solito. Ci siamo allenati anche sui rigori, ma non voglio finire ai rigori. Cercheremo di vincere la partita nei 90 minuti, con il rispetto per loro”.

Come sta Mancini? 120mila spettatori in due gare: le fa effetto?
“Bene, sta bene. Per lo stadio, mi faceva effetto prima con la capienza al 50%. Mi fa effetto, la passione della gente per la sua squadra. Non sono nato a Madrid, Roma o Milano ma questo è quello che ti fa diventare coinvolto con la gente. Loro vengono per passione, questa è passione pura. Purtroppo non gioco, non sarò lì dentro. Mio dovere far sentire questa responsabilità ai miei ragazzi”.

Il Bodø/Glimt dice che sia stata la panchina della Roma a provocare. 
“Io non penso. La Uefa pensa e deciderà. Si poteva fare qualcosa di diverso? Certo”.

Il ds del Bodø/Glimt…
“Non mi interessa”.

Un video del The Independent ha svelato quanto accaduto negli spogliatoi. Ha considerazioni da fare?
“Non abbiamo considerazioni”.

Saltnes ha detto che avete fatto dei giochi psicologici.
(Mourinho decide di non rispondere).

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa