Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ora Zaniolo non vuole più fermarsi: pronto per Napoli

Dopo la notte da sogno in Conference ora Nicolò vuole continuare ad essere protagonista

Vietato fermarsi, neanche per un giorno. Perché il peggior errore sarebbe credere di aver superato lo scoglio più impervio dopo la magica serata vissuta all’Olimpico giovedì scorso. Mai come ora José Mourinho vuole tenere alta la concentrazione dei suoi uomini, che ieri mattina si sono ritrovati a Trigoria dopo aver conquistato la semifinale di Conference League: tra i giocatori che hanno varcato per primi il cancello del Fulvio Bernardini c’era anche Zaniolo, apparso tra i più sorridenti in campo e fuori. La tripletta realizzata contro il Bodo/Glimt sembra aver restituito al classe ’99 l’entusiasmo di chi è tornato consapevole di poter fare la differenza: anche per questo nelle ultime ore le possibilità di un suo utilizzo dal 1′ al Maradona sembrano in aumento.

Lo Special One non ha ancora preso una decisione sulla formazione che dopodomani affronterà il Napoli di Spalletti, prima infatti bisognerà fare chiarezza sulle condizioni di Pellegrini. Il capitano giallorosso è uscito dall’Olimpico con una caviglia gonfia e ieri non si è unito al gruppo neanche per gli esercizi in palestra, limitandosi a svolgere fisioterapia. Nelle prossime ore si capirà se il numero 7 potrà scendere in campo tra i titolari, ma la situazione non sembra preoccupante. Sia oggi che domani la Roma continuerà ad allenarsi, Mourinho invece non interverrà in conferenza stampa. Ieri intanto la Lega Serie A ha reso noti anticipi e posticipi della trentatreesima giornata: sabato 23 aprile la Roma affronterà l’Inter a San Siro alle 18. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa