Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Lumicino Champions

La Juve si ferma in casa contro il Bologna: c’è l’occasione per avvicinarsi ancora al quarto posto

La sorpresa nell’uovo di Pasqua è una piccola speranza ritrovata per la Champions. Dopo lo stop della Juventus contro il Bologna, la Roma ha il dovere di provarci domani a Napoli. Sarà una Pasquetta piena di significati al Maradona dove Spalletti dovrà rispondere alle milanesi, mentre la Roma ha la possibilità di portarsi a tre punti dal quarto posto. Bisogna, però, anche guardarsi indietro perché c’è ancora la lotta con Lazio, Fiorentina e Atalanta. Mourinho se la giocherà al massimo e ha deciso di restare in silenzio alla vigilia della partita. La preparazione alla gara non cambia nonostante la festività. Oggi allenamento e successivo pranzo a Trigoria, poi nel pomeriggio la partenza per Napoli.

Il tecnico dovrebbe cambiare al massimo un paio di pedine ed è possibile un turno di riposo per Cristante e Mkhitaryan. Completamente recuperato Pellegrini, mentre Zaniolo punta a giocare di nuovo con Abraham. Oggi verranno sciolti gli ultimi dubbi. L’arbitro sarà Di Bello con cui la Roma non vince da 9 partite. Quest’anno ha diretto la partita di Coppa Italia contro l’Inter ammonendo Mourinho per non precisati motivi. Non ci sarà alcun tifoso romanista. La trasferta a Napoli continua ad essere bandita dalla morta di Ciro Esposito nel 2014. La vendita dei biglietti è vietata ai residenti di Roma e provincia, a differenza di quanto accade per la partita dell’Olimpico. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa