Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La Procura Figc archivia il caso Calvarese: era entrato nello stanzino dell’arbitro Abisso dopo Roma-Genoa

La chiusura delle indagini è stata comunicata alle parti

iltempo.it – Tanto rumore per nulla. La Procura della Figc ha disposto l’archiviazione dell’indagine aperta sull’ex arbitro Gianpaolo Calvarese, ora consulente della Roma, in seguito all’esposto presentato da Rosario Abisso dopo la gara dei giallorossi all’Olimpico contro il Genoa dello scorso 5 febbraio.

Il direttore di gara aveva segnalato all’Aia, con qualche giorno di ritardo rispetto alla partita e in seguito ad alcune ricostruzioni stampa, che il suo ex collega era entrato nello stanzino degli arbitri a fine match per chiedere conto dell’espulsione di Zaniolo, al quale era stato annullato un gol dopo la revisione al Var. Calvarese avrebbe chiesto ad Abisso cosa avesse scritto nel referto della gara, per capire in anticipo l’entità della squalifica in arrivo per il romanista, poi fermato per un turno. Un comportamento che rischiava di mettere in dubbio il rispetto del Codice Etico degli arbitri da parte di Abisso, che ha però spiegato di aver liquidato velocemente Calvarese.

Dopo l’apertura  di un fascicolo da parte della Procura Arbitrale, la Procura Federale ha quindi dovuto aprire a sua volta un procedimento d’ufficio, ascoltando lo stesso Calvarese, Abisso e i dirigenti della Roma. Oggi è stata disposta l’archiviazione, senza sanzioni per i tesserati (Calvarese in realtà non lo è più essendosi dimesso dall’Aia) né per il club giallorosso: la chiusura delle indagini è stata già condivisa con la Procura Generale dello Sport del Coni e comunicata alle parti.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News