Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Alberto De Rossi: “I playoff si avvicinano, sono preoccupato”

Le parole del tecnico della Primavera dopo il pareggia contro il Genoa

Alberto De Rossi ha parlato ai microfoni di Roma Tv+ dopo Genoa-Roma 1-1. Di seguito le dichiarazioni dell’allenatore della Primavera.

Che partita è stata?
“La partita la facciamo, l’abbiamo fatta anche piuttosto bene, con la mentalità giusta. Quando siamo andati in vantaggio abbiamo abbassato un po’ l’attenzione. Loro hanno avuto questa mezza occasione, ma ultimamente non siamo attenti, c’è successo anche con il Napoli. Un’altra distrazione pagata cara, una squadra come la nostra dovrebbe portare via i tre punti dopo essere andata in vantaggio”.

Sul gol del Genoa cosa è accaduto? Un calo di concentrazione?
“Non è successo niente, era una palla lontana dalla nostra area. Un ragazzo del Genoa è saltato di testa, hanno colpito, sulla respinta del portiere sono arrivati prima loro. È una questione di mentalità, quando vuoi vincere, devi arrivare prima. Ultimamente ci manca questa mentalità per chiudere le partite e portare a casa il risultato. Giochiamo, bene, ma queste distrazioni fanno sembrare che giochiamo partite di fine stagione, invece non è così. Il campionato deve finire ancora, deve finire come è iniziato nelle prime 10 giornate quando eravamo protagonista, noi dobbiamo un po’ ritrovarci. Questa è una squadra buona”.

L’Inter si sta riavvicinando a voi in classifica. Preoccupato?
“Le altre squadre si avvicinano, è normale. Se tu non fai punti, le altre si avvicinano. Mi preoccupano un po’ di più queste distrazioni, non sono da squadra forti. Noi, se non succede chissà cosa, nei playoff ci siamo. È qui che punto il dito e dove sono un po’ allarmato. Dobbiamo prepararci al meglio per le partite da dentro o fuori. Le finali stanno arrivando. Sono più preoccupato per questo che per l’Inter o il Cagliari che si avvicinano”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera