Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma si aggrappa a Mkhitaryan

Giallorossi si aggrappano all’armeno

A cinque minuti dalla fine ha rotto l’incantesimo. Fino a quel momento in tre sfide contro l’Inter la Roma non era riuscita ad andare in gol. Ci ha pensato Mkhitaryan, quando la partita era già finita. Troppo distanti i valori in campo, tra una squadra che è sempre più la favorita per vincere lo scudetto e un’altra che deve difendere il quinto posto. Henrikh Mkhitaryan è al terzo gol contro l’Inter, da quando è in Italia è la squadra alla quale ha segnato di più.

Ieri Mourinho lo ha impiegato a centrocampo, puntando sulla sua capacità di adattarsi al ruolo di regista, nella ripresa quando lo ha rispostato più avanti l’armeno è riuscito a piazzare il tiro del 3-1. Sta concludendo una stagione con un rendimento molto, si è guadagnato la conferma.

Il suo contratto scade a giugno e il rinnovo a questo punto è solo una formalità. Il giocatore è già d’accordo con la società, si tratta solo di mettere a posto le cifre e arrivare alla firma. Ieri Tiago Pinto ha detto: “Mkhitaryan è un giocatore molto importante per noi. Penso che la voglia di tutte le parti sia la stessa, come nella scorso stagione. Non ci sono problemi, c’è una tempistica che la società e il calciatore hanno definito e non ci sono problemi“. Sono d’accordo, ma il momento di mettere nero su bianco arriverà a fine stagione. Lo scrive il “Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa