Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma e Mkhitaryan, rinnovo più vicino

Tra campo e rinnovo, sono giorni decisivi per Henrikh Mkhitaryan e la Roma

Henrikh Mkhitaryan in questa stagione è stato un protagonista assoluto con 42 presenze già collezionate , di cui 38 da titolare. Un leader autentico. Anche domani Josè Mourinho si affiderà a lui per cercare di colpire il Leicester. Del resto non sarebbe la prima volta: esiste infatti un curioso precedente targato 2017.

Il Manchester United, allora guidato proprio da Mou, sconfisse per 3-0 il Leicester di Ranieri al King Power Stadium. In quell’occasione, Mkhitaryan mise a segno un assist e una rete, siglata dall’armeno su assist di Chris Smalling. In totale Mkhitaryan ha incontrato 7 volte in carriera il Leicester e il suo bilancio è positivo: 4 vittorie, un pareggio e 2 sconfitte.

Sono giorni importanti anche per il rinnovo del suo contratto, in scadenza il 30 giugno. Il General Manager dei giallorossi Tiago Pinto vorrebbe evitare di arrivare a giugno con la situazione ancora in bilico, e ha proposto un biennale all’ex Arsenal. La firma dovrebbe essere a questo punto solo una formalità.

Ci sono pochi dubbi sul fatto che domani Miki sarà titolare, ce ne sono un po’ di più sul ruolo: Mou potrebbe confermarlo in regia al fianco di uno tra Cristante Sergio Oliveira, con Zaniolo Pellegrini alle spalle di Abraham, che oggi sarà in conferenza, oppure farlo giocare al posto di Zaniolo, con una mediana più robusta. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa